Obdachlose sollen ausreisen

Zunehmend verweigern Notunterkünfte für Obdachlose EU-Bürger_innen  Hilfe. Hamburg setzt nun noch eins drauf gesetzt - hilfesuchende obdachlose EU-Bürger_innen sollen ausgewiesen werden.

Mehr zum Thema

Kommentar des Paritätischen Wohlfahrtsverbandes  

Foto: © Kara - Fotolia.com

Einwanderungsgesetz notwendig

Kann man über ein Einwanderungsgesetz reden, wenn die Mehrzahl der Menschen in Deutschland gerade die Nase voll hat von Zuwanderung?  

Kommentar zum Thema von Josip Juratovic, MdB und freigestellter Betriebsrat von Audi  

Foto: © andrea-lehmkuhl / Fotolia.com

MdBs mit Migrationshintergrund

22,50 Prozent der Gesamtbevölkerung haben Migrationshintergrund. Aber wie sieht es aktuell im Bundestag aus? 

Mehr 


Foto: vege / Fotolia.com

Schutz für entsandte Beschäftigte

12-Stunden Schicht, 6 Tage die Woche und am Ende nicht den vereinbarten Lohn erhalten - das kennen zu viele entsandte Beschäftige. Nun gibt es neue Anläufe ihre Situation zu verbessern.

Vorschläge zur Reform der Entsenderichtlinie

Kommentar Terry Reintke, MEP Die Grünen

Foto ©-andrea-lehmkuhl / Fotolia

Augsburg: ver.di kämpft gegen Abschiebung

Krankenpfleger werden dringend gesucht - trotzdem soll er afghanische Flüchtling Anwar Khan abgeschoben werden. Und dass, obwohl er Anfang Oktober mit seiner Ausbildung zum Gesundheits- und Krankenpfleger beginnen wollte.

Der Fall

Foto: © sudok1 - Fotolia

Neoliberales Programm mit sozialpopulistischem Mantel

Die Auseinandersetzung mit den Rechtspopulisten findet auch in den Betrieben statt.

Was können Gewerkschaften und Betriebsräte tun? 

Foto: © blende11photo / Fotolia

Attivazione di tirocini formativi e di orientamento presso la Regione Emilia-Romagna

Normen zur Beruflichen Bildung in Italien, Emilia-Romagna

Realizzato nell'ambito di: Koordinationsstelle zur Förderung der beruflichen Bildung der italienischen Migrantinnen und Migranten in NRW

LEGGE REGIONALE 3 luglio 2001, n. 19

ATTIVAZIONE DI TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO PRESSO LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Testo coordinato con le modifiche apportate da:
L.R. 21 agosto 2001 n. 27
L.R. 28 dicembre 2001 n. 49 (1)

Art. 1
Finalità e disciplina applicabile

1.
La Regione Emilia-Romagna, quale datore di lavoro pubblico, realizza tirocini formativi e di orientamento presso le proprie strutture organizzative allo scopo di perseguire le seguenti finalità:
a) favorire la conoscenza diretta del mondo del lavoro e conseguire una maggiore integrazione tra realtà occupazionali pubbliche e private;
b) creare opportunità di formazione e confronto con le realtà lavorative e consentire momenti di alternanza tra studio e lavoro, agevolando le successive scelte professionali;
c) consentire la conoscenza dei servizi erogati dall'amministrazione regionale, rendendo altresì fruibili le competenze sviluppate all'interno dell'ente.

2.
Ai tirocini formativi e di orientamento si applica la disciplina contenuta nella L. 24 giugno 1997 n. 196 e nei relativi provvedimenti di attuazione. La Giunta regionale, con proprio atto, definisce le specifiche modalità di attivazione e svolgimento dei tirocini.

Art. 2
(modificato comma 1 da art. 30 L.R. 21 agosto 2001 n. 27) (2)
Promozione ed attivazione dei tirocini formativi e di orientamento


1.
I tirocini di cui alla presente legge vengono promossi, in forma singola o associata, dall'Agenzia Emilia-Romagna Lavoro e da uno o più degli organismi di cui all'art. 2 del D.M. Lavoro e Previdenza Sociale 25 marzo 1998 n. 142.

2.
L'Agenzia Emilia-Romagna Lavoro, istituita ai sensi dell'art. 10 della L.R. 27 luglio 1998 n. 25, agisce quale struttura di supporto tecnico, al fine di realizzare l'indispensabile collegamento tra le disponibilità ricettive dell'Ente e le richieste di attivazione dei tirocini provenienti dai soggetti promotori di cui al comma 1.

Art 2 bis
(articolo aggiunto da art. 56 L.R. 28 dicembre 2001 n. 49) (3)
Iniziative di alternanza studio-lavoro


1.
La Regione Emilia-Romagna realizza iniziative di alternanza studio-lavoro presso le proprie strutture organizzative allo scopo di creare opportunità di incontro e scambio di conoscenze tra il sistema organizzativo dell'Ente Regione Emilia-Romagna, l'Università e il mondo della formazione in generale.

2.
Le modalità di realizzazione e svolgimento delle iniziative di cui al comma 1 sono definite dalla Giunta regionale nel rispetto dei seguenti criteri generali:
a) attivazione sulla base di apposite convenzioni con università ed istituti universitari statali e non statali, abilitati al rilascio di titoli accademici; istituzioni scolastiche statali e non statali che rilascino titoli di studio con valore legale;
b) previsione della durata dei rapporti con i destinatari delle iniziative ospitati presso le strutture regionali, non costituenti rapporti di lavoro, in misura non superiore complessivamente a 12 mesi rinnovabili una sola volta, da modulare in funzione delle specificità delle singole iniziative.

Art. 3
(modificato da art. 56 L.R. 28 dicembre 2001 n. 49)
(4)
Rimborsi e indennità


1.
Ai partecipanti ai tirocini ed alle iniziative di cui all'art. 2 bis può essere riconosciuto il rimborso spese, anche forfettario, in aggiunta ad eventuali indennità economiche non aventi in alcun modo natura retributiva, nella misura e secondo le modalità stabilite con la deliberazione di Giunta regionale prevista nel comma 2 dell'art. 1 e nel comma 2 dell'art. 2 bis.

Art. 4 Norma finanziaria

1. Agli oneri derivanti dalla presente legge la Regione Emilia-Romagna fa fronte con l'istituzione di apposito capitolo nella parte spesa del bilancio regionale, che verrà dotato della necessaria disponibilità in sede di approvazione della legge di bilancio a norma dell'art. 11 della L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e successive modificazioni.